LA FONDAZIONEd'Arco

La Fondazione d’Arco sin dalla sua nascita ha come precipuo compito e obiettivo quello di tutelare, conservare, valorizzare e far conoscere il Museo di Palazzo d’Arco e tutte le meraviglie in esso contenute. Non occorre nascondere che gli sforzi compiuti, nei quali la Fondazione è tutt’ora impegnata, siano particolarmente onerosi sia per la profusione di energie che richiedono sia per lo sforzo economico.

fondazione d'arco
fondazione d'arco

Con la morte della marchesa Giovanna si estinse uno dei due rami della famiglia d'Arco - l'altro continua ancora oggi in Baviera. La città pianse la scomparsa di una delle figure più significative per la cultura, presidente della Società per il Palazzo Ducale di Mantova, della sezione locale di Italia Nostra, pittrice e poetessa.

La marchesa Giovanna decise di consegnare l'eredità culturale della sua nobile e antica famiglia alla Fondazione d'Arco e così dichiarava nelle disposizioni testamentarie del 27 novembre 1956: "La fondazione sarà retta da un consiglio composto da cinque consiglieri designati rispettivamente dall'Ordinario Diocesano di Mantova, dal Prefetto di Mantova, dalla Sovrintendenza ai monumenti, dalla Direzione dell'Archivio di Stato di Mantova, dalla Accademia Virgiliana."

Nel rispetto della sua volontà testamentaria, con decreto prefettizio datato 29 settembre 1978, i beni lasciati furono accolti in forma di museo, mantenendo la disposizione data agli oggetti dalla stessa marchesa e dalla dama di compagnia Jole Belladelli. Domenica 21 settembre 1980 il Cortile dell'Esedra di Palazzo d'Arco accolse la cerimonia di inaugurazione.

Il consiglio della Fondazione d'Arco rimane in carica per cinque anni ed è composto da cinque rappresentanti degli Enti succitati. Tutti i proventi della Fondazione sono finalizzati alla conservazione dei beni affidati e precipuamente del patrimonio museale. Attualmente il Consiglio di Amministrazione della Fondazione d'Arco è composto dal Presidente Livio Giulio Volpi Ghirardini, il Conservatore Italo Scaietta e i consiglieri Giovanni Rodelli, Paolo Trombini e Sergio Genovesi.

SOSTIENI
il palazzo

La città gode di un museo di indiscusso valore e per questo la Fondazione d’Arco rivolgendosi a privati, aziende e a tutti coloro che lo desiderano, invita ad offrire il proprio contributo a favore e a salvaguardia del Museo.

Image

"Ringrazio vivamente coloro che hanno dato e daranno un sostegno a Palazzo d'Arco; affinchè se ne conservi la memoria, la Fondazione ha istituito il Libro d'oro dei donatori".

Il Presidente
Ing. Livio Giulio Volpi Ghirardini

LIBRO D'ORO
dei donatori

La Fondazione d'Arco ha istituito il Libro d'Oro dei donatori a riconoscimento e memoria di coloro che hanno dato sostegno al Museo di Palazzo d'Arco.

Il registro cartaceo del Libro d'oro è conservato nella Sala del Presidente della Fondazione d'Arco.

Ante Libro d'Oro
DATA SOGGETTO LUOGO CAT. IMPORTO
1990 Comune di Mantova Mantova / £ 30 milioni
1993 Regione Lombardia Milano / £ 6 milioni
1997 Fondazione Cariplo Mantova / £ 120 milioni
1999 Fondazione BAM Mantova / £
2004 Fondazione BAM Mantova / € 50.000

RESTIAMO IN
contatto

Iscriviti alla nostra newsletter, ti aggiorneremo sulle prossime mostre e sugli eventi a Palazzo.

 
 
 

È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento nel footer delle nostre mail. Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing. Cliccando per iscriverti, accetti che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione. Scopri di più sulle pratiche sulla privacy di Mailchimp.

Museo di Palazzo d'Arco


INDIRIZZO
piazza Carlo d'Arco, 4
Mantova (MN)

TELEFONO
+39 0376 322 242

               


Museo negativo a colori

Fondazione d'Arco


INDIRIZZO
piazza Carlo d'Arco, 4
Mantova (MN)

TELEFONO
+39 0376 322 242

P.IVA 01293290209
C.F. 80002830208


La Fondazione d'Arco è un ente privato che si sostiene con mezzi propri, da contributi e da donazioni.


MUSEO DI PALAZZO D'ARCO


INDIRIZZO
piazza Carlo d'Arco, 4
Mantova (MN)

TELEFONO
+39 0376 322 242

               


museo riconosciuto regione lombardia